giovedì, Maggio 5

Presta attenzione ai rimedi naturali per la costipazione

Si possono trovare molti trattamenti e rimedi naturali diversi per la stitichezza. Fai attenzione però: anche quando si tratta di trattamenti naturali, non sono sempre sicuri. Infatti, alcuni lassativi naturali possono essere deleteri per il tuo problema. Senna, rabarbaro, psillio… quali lassativi scegliere?

I rimedi naturali se sei davvero stitico

La stitichezza non significa avere un movimento intestinale ogni 24 ore. Dunque, prima di iniziare un trattamento, è importante capire che la stitichezza non è una malattia, ma piuttosto un sintomo di una malattia. Quindi bisogna determinare se la stitichezza è un problema occasionale o cronico. La diagnosi di stitichezza non si fa in 24 ore.

Questo disturbo digestivo si manifesta in due modi:

  • Un blocco: le contrazioni intestinali non sono sufficienti per far avanzare le feci a un ritmo normale.
  • Secchezza delle feci: rendono difficile la loro eliminazione.

Questi sintomi, isolati o accoppiati, hanno diverse possibili cause:

  • Invecchiamento che influisce sulla motilità dell’intestino.
  • Gravidanza a causa della pressione dell’utero sul colon.
  • Il fatto di astenersi dall’andare in bagno che favorisce la secchezza delle feci.
  • La disidratazione.
  • Una dieta povera di fibre.
  • Assunzione di determinati farmaci.
  • Stress e ansia.

Se non trattata, la stitichezza può portare a gravi complicazioni come fecaloma, ragade anale, emorroidi o persino incontinenza fecale causata dall’eccessivo accumulo di feci nel corpo.

Nella maggior parte dei casi esistono soluzioni naturali per curare: integratori alimentari, piante lassative… Esistono molti prodotti proposti da diverse marche di erboristeria che possono aiutarti a risolvere il tuo problema in modo del tutto naturale. Tuttavia, se i sintomi persistono, consulta un medico in modo che possa verificare che non hai un’altra patologia associata.

Le piante lassative come la senna, il rabarbaro o l’olivello spinoso sono davvero miracolose?

Piante lassative stimolanti

Diverse piante lassative, considerate stimolanti, sono utilizzate in erboristeria per curare la stitichezza:

  • Olivello spinoso.
  • Rabarbaro (radice e rizoma).

Le tisane che prendi possono avere una serie di effetti, alcuni dei quali possono essere pericolosi. Infatti, i muscoli che rivestono la parete intestinale diventano pigri e perdono la loro capacità di contrarsi. Dunque, nel caso, si raccomanda di smettere di prenderle.

Un altro problema è la loro azione irritante sul tubo digerente. A volte sono responsabili di lesioni che limitano l’assorbimento dei sali minerali. Alla fine, può quindi comparire una carenza di potassio e causare problemi cardiaci.

Pertanto, l’uso di questo tipo di piante lassative deve assolutamente essere escluso nei seguenti casi:

  • Trattamento lungo per i sintomi cronici.
  • Malattie infiammatorie del colon (morbo di Crohn, rettocolite, ecc.).
  • Persona disidratata (aumento del rischio di carenza di sali minerali).
  • Origine della stitichezza sconosciuta o correlata all’ostruzione intestinale.
  • Problemi cardiaci esistenti.
  • Bambini sotto i 12 anni.

Ovvio, a questo punto, è assumere queste piante sotto stretto controllo medico e per un uso occasionale, non superiore a otto-dieci giorni.

Piante lassative sfuse

Oltre ai semi di lino e allo psillio, ci sono diversi altri lassativi più gentili. Questi includono la radice di marshmallow, che è un tipo di igname coltivato negli Stati Uniti. La radice della pianta dell’aloe, che è usata nella fabbricazione di lozioni e cosmetici, è anche un lassativo delicato. La sostanza formata aumenta il volume delle feci idratandole e facilitando così naturalmente la loro evacuazione.

Esistono delle alternative con rimedi naturali per la stitichezza?

Prima di raccomandare farmaci lassativi o piante, a volte alcune misure di stile di vita sono tutto ciò che serve per trattare la stitichezza. Ecco alcune raccomandazioni utili:

  • Frutta o verdura ad ogni pasto.
  • Approvvigionamento idrico sufficiente.
  • La pratica di una regolare attività fisica per migliorare la motilità del colon e dell’intestino tenue e la gestione dello stress.
  • Se li tolleri, il consumo di cereali ricchi di fibre con pane, pasta e riso, completi o semi-completi.

Tutti questi consigli applicati quotidianamente sono alla base di un buon transito intestinale e possono aiutarti, anche se hai già un trattamento complementare.

Soffri anche di gonfiore?

Se la stitichezza è associata a gas e digestione difficile, puoi anche assumere dei probiotici da associare a una dieta equilibrata e lassativi a base di erbe a tua scelta. Agisce sulla flora intestinale in modo globale rispettando le mucose più sensibili.

Redazione
La redazione di knil.it si occupa di ambiente, arte, cultura, natura, nuove tecnologie, social media, motori, food e tanto altro. Cerchiamo di offrire i migliori consigli ai nostri utenti e rendere la nostra passione, per la notizia e la scrittura, un qualcosa da poter condividere con tutti. Puoi contattarci tramite E-mail a: onlyredazione[@]gmail.com